Privacy Policy Il Libro Bianco della medicina personalizzata in oncologia – UniPancreas

Il Libro Bianco della medicina personalizzata in oncologia

Il Libro Bianco della medicina personalizzata in oncologia

Ogni storia è unica. Ogni persona, ogni paziente, ogni tumore. Per questo, la cura può e deve essere personalizzata

Lo scorso 27 aprile APMP – Associazioni Pazienti, insieme per il diritto alla Medicina Personalizzata in oncologia, ha presentato il  Libro bianco della medicina personalizzata in oncologia.

UniPancreas era tra le Associazioni promotrici. Vediamo insieme cosa è emerso…

È un diritto di ogni cittadino ricevere la migliore cura possibile per se stesso. E proprio per riaffermare questo diritto nasce il Libro bianco della medicina personalizzata in oncologia, un volume che ribadisce l’importanza di lavorare al fine di realizzare un sistema salute integrato, che supporti l’intero percorso di cura del paziente oncologico in maniera efficace ed efficiente.

Attuare la medicina personalizzata in oncologia significa migliorare i risultati clinici e ridurre il ricorso a terapie non necessarie e costose. Non solo. Significa considerare il paziente come persona nella sua interezza, senza perdere di vista i bisogni psicologici, la qualità di vita e i diritti che gli appartengono. Perché solo mettendo a sistema la complessità dei diritti e dei bisogni dei pazienti si potrà raggiungere l’obiettivo della cura personalizzata.

La tecnologia digitale applicata alla salute da una parte e la profilazione genomica dall’altra, sistemi diagnostici d’avanguardia e trattamenti accurati, l’integrazione di un team multidisciplinare che resta in ascolto del paziente, considerandolo un individuo unico, rispettandone tempi, predisposizioni e caratteristiche peculiari. Questo è il modello di cura che sceglie la maggior efficacia riducendo il peso della terapia e gli effetti collaterali. Un modello che sceglie la persona, prima di tutto.

L’oncologia è pioniera nel campo della medicina personalizzata. Per un futuro di progressi scientifici in cui la genetica delle mutazioni riesca a colmare i gap ancora esistenti, per l’attuazione concreta di cure sempre più mirate.

SCARICA IL LIBRO BIANCO

Un progetto che raccoglie le voci di alcuni tra i più autorevoli esperti in materia di politiche sanitarie, scienza e salute.

 

DALLE ISTITUZIONI

  • Paola Boldrini, Vicepresidente della Commissione Igiene e Sanità del Senato della Repubblica
  • Angela Ianaro, Componente della Commissione Politiche dell’Unione Europea e della Commissione Affari Sociali della Camera dei Deputati, Professoressa associata di Farmacologia, Università Federico II di Napoli
  • Marialucia Lorefice, Presidente della Commissione Affari Sociali della Camera dei Deputati

DAL MONDO SCIENTIFICO

  • Stefania Boccia, Professoressa di Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica, Direttore della Sezione di Igiene del Dipartimento per la Salute della Donna e del Bambino e di Sanità Pubblica, Università Cattolica del Sacro Cuore, Fondazione Policlinico “A. Gemelli” IRCCS
  • Gilberto Corbellini, Professore ordinario di storia della medicina e docente di bioetica presso Sapienza Università di Roma
  • Giuseppe Curigliano, Direttore Struttura Complessa di Sviluppo di Nuovi Farmaci per Terapie Innovative, Istituto Europeo di Oncologia, Dipartimento di Oncologia ed Emato-Oncologia, Università di Milano La Statale, Milano
  • Guendalina Graffigna, Professore Ordinario, Dipartimento di Psicologia, Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Direttore di EngageMinds Hub, Consumer, Food & Health Engagement Research Center
  • Achille Iolascon, Presidente Società Italiana Genetica Umana (SIGU)
  • Claudio Jommi, Professor of Practice Government, Health and Not for Profit Knowledge Group, Director of Mihmep (Master of International Health Management, Economics and Policy), SDA Bocconi School of Management, Bocconi University
  • Paolo Marchetti, Direttore Oncologia Medica B del Policlinico Umberto I di Roma, Ordinario di Oncologia all’Università La Sapienza
  • Nello Martini, Presidente di Fondazione Ricerca e Salute (ReS)
  • Davide Melisi, Professore Associato di Oncologia Medica, Università degli studi di Verona; Direttore UOS di Terapie Sperimentali in Oncologia, Azienda Ospedaliera Integrata di Verona
  • Nicola Normanno, Responsabile della SC Biologia Cellulare e Bioterapie dell’Istituto Nazionale Tumori – IRCCS Fondazione “Pascale” di Napoli;
  • Luca Ostacoli, Psichiatra, Psicoterapeuta dinamico corporeo. Docente di Psicologia Clinica e Psicoterapia, Scuola di Medicina e Chirurgia, Università di Torino
  • Carmine Pinto, Direttore Struttura Complessa di Oncologia, Azienda USL IRCCS, Reggio Emilia e Presidente della Federation of Italian Cooperative Oncology Groups (FICOG);
  • Gabriella Pravettoni, Professore Ordinario di Psicologia Generale, UNIMI, Direttore del Dipartimento di Oncologia ed Emato-oncologia, UNIMI, Direttore della Divisione di Psiconcologia, IEO
  • Giancarlo Pruneri, Direttore Dipartimento di Patologia e Medicina di Laboratorio, Fondazione IRCCS Istituto dei Tumori di Milano
  • Antonio Russo, Professore Ordinario di Oncologia Medica presso Università di Palermo, membro comitato direttivo di AIOM
  • Anna Sapino, Presidente della Società Italiana di Anatomia Patologica (SIAPEC)
  • Giovanna Scroccaro, Direttore Direzione Farmaci Dispositivi medici e Protesica della Regione Veneto, e Presidente del Comitato Prezzi e Rimborso di AIFA
  • Valter Torri, Dipartimento di Oncologia Medica, Istituto ‘Mario Negri’ – IRCCS, Milano

STORIE DI PAZIENTI

  • Emanuela Bellet, Associazione ACTO onlus
  • Isabella Frigo, Associazione IPOP
  • Anna Costato, Associazione Salute Donna